Artisti da tutto il mondo per il gran finale del Deltablues

grazie

Ultimo weekend di performance per il Deltablues Festival 2018, che
chiude una splendida stagione di concerti nel cuore del Delta polesano.

ROVIGO – Un gran finale per una stagione di Blues indimenticabile. Ancora un
grande successo per il Deltablues Festival che, con i concerti di sabato e domenica,
ha ufficialmente concluso l’edizione 2018.
Una chiusura scoppiettante, fatta di due serate di musica e passione che hanno
portato artisti da tutto il mondo all’interno degli splendidi paesaggi del Delta del Po.
Sabato 7 le luci del palco si sono accese ad Occhiobello, all’interno del parco
golenale «Il Pontile». Ad aprire lo spettacolo un’emozionante crociera lungo il
grande Po accompagnata dalle note di Federico “Ciosi” Franciosi, artista
italo-argentino noto per la sua capacità di coinvolgere con le sue melodie. Un lento
scorrere tra acqua e musica, che ha regalato attimi indimenticabili ai numerosi
presenti.
A crociera terminata è seguito il concerto dei «Big Fat Mama», storico gruppo di
primissimo piano nel panorama Blues internazionale. Immersi nel verde
incontaminato dell’ambiente golenale, la band ha catturato i presenti con il proprio
stile unico ed inconfondibile, ispirato agli anni d’oro del Blues ma rinfrescato con
idee nuove ed originali.
Cambio di scena con l’arrivo sul palco dei «The Twister», gruppo conosciuto per la
capacità di unire Blues, Funky e Soul in brani inediti ed entusiasmanti. A lasciare il
segno in modo particolare la voce carica di grinta di Alice Violato, magistralmente
accompagnata da Paolo Bacco alla chitarra elettrica, il polesano Claudio Lupo
all’organo hammond, Nick Muneratti al basso e Matteo Coassin alla batteria.
A chiudere la serata i bravissimi «Roosevelt Collier Blues Band» giunti in provincia
di Rovigo direttamente dalla Florida. Una vera e propria esplosione di carica ed
energia, che ha accompagnato il pubblico entusiasta fino a tarda notte.

Rosevelt Collier
È stata invece la splendida spiaggia di Scanno Cavallari, a Porto Levante nel comune
di Porto Tolle, la cornice in cui domenica 8 il Deltablues Festival ha ufficialmente
concluso l’edizione 2018. Un finale carico di incredibili esperienze musicali, offerte
dal duo composto da Guy Davis e Fabrizio Poggi che ha suonato a pochi passi dal
mare, accompagnato dal lento ritmo delle onde. Una coppia che incarna il meglio del
mondo Blues acustico moderno, conosciuta in tutto il mondo per l’incredibile
sensibilità artistica.

Guy Davis & Fabrizio Poggi

Per il Deltablues Festival quella del 2018 è stata un’edizione piena di grandi
presenze, concerti emozionanti e tante soddisfazioni. Un ringraziamento particolare
va a tutti coloro che hanno reso possibile questa incredibile manifestazione. In
particolare la Fondazione Cassa di risparmio di Padova e Rovigo, la Regione Veneto e
la Provincia di Rovigo, il conservatorio statale Venezze di Rovigo, i Comuni ospiti di
Rovigo, Porto Tolle, Taglio di Po, Loreo, Rosolina Mare, Arquà Polesine, Lendinara,
Occhiobello ed ovviamente Asm Set e Coop Alleanza 3.0, main sponsor.
Ma un sentito «grazie» va rivolto anche al pubblico che ha seguito e supportato le
tappe, oltre che a tutti gli artisti che si sono esibiti.
Tutto è iniziato con l’affascinante prima crociera musicale nel Delta con Corey
Harris che ci ha riportato lungo le onde del fiume Mississippi, luogo d’origine della
musica del diavolo. Una Blues cruise dal tutto esaurito con gli scorci immensi e
profondi del Delta del Po.
Il festival è proseguito poi a Loreo con il talentuoso Daniele Tenca e la «Working
Class Band», toccando poi, in ordine Arquà Polesine con gli «Ukulele Lovers»,
frizzanti e contagiosi di allegria e freschezza con le loro piccole chitarre, e
Lendinara dove gli usignoli del Polesine, le «Foxy Ladies», non hanno voluto
mancare alla storica kermesse.
La «Festa della Musica», in collaborazione con il Comune di Rovigo, a metà del
calendario del Deltablues ha visto partecipare nel capoluogo il talentuoso duo
italiano «Mora e Bronsky» in bilico tra folk, blues e cantautorato italiano. Novit
di questa edizione il reading musicale in collaborazione con Slowfood. I sapori del
territorio si sono fusi alle parole dello scrittore noir Massimo Carlotto e alle note di
Maurizio Camardi e Francesco Garolfi che hanno piacevolmente intrattenuto il
sempre numeroso pubblico di DeltaBlues a Taglio di Po, immersi nel parco
dell’agriturismo Monte Scala.
L’ultimo fine settimana di giugno e la prima domenica di luglio è andato a tutto gas
con il Rock and Roll di «Rock around the Blues» organizzato a Rosolina Mare in
collaborazione con l’associazione Delta Foggy Rockers. Una parata incredibile di
cantanti e musicisti nel litorale rodigino che ha scatenato il pienone in tutte le
giornate dell’evento.
Indimenticabile anche la due giornate svoltasi all’interno dell’arena spettacoli del
Censer di Rovigo il 5 e 6 luglio, con la partecipazione di artisti di grande fama come
Mike Stern, uno dei chitarristi più famosi al mondo, e la «Joe Louis Walker Band»,
vera e propria icona del Blues moderno.
Note, brani ed emozioni che ci porteremo nel cuore, affamato di grande musica e
passione.

Un ultimo, ma non meno importante, ringraziamento lo vogliamo rivolgere anche a
tutti gli organi di informazione, che hanno dato lustro e visibilità al Deltablues
Festival senza mai tradire la filosofia che sta alla base della manifestazione.

Tags: , , , ,
Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo

Partner

Media partner

Main sponsor

Festval Partner