GUY DAVIS & FABRIZIO POGGI

Fabrizio Poggi & Guy Davis

Guy Davis e il nostro Fabrizio Poggi rappresentano il meglio del blues acustico mondiale grazie all’affinità musicale che lega i due bluesmen, cresciuta e maturata in anni di esibizioni e registrazioni insieme.

La nomination tra i cinque concorrenti ai Grammy Awards 2018 con il disco “Sonny & Brownie’s Last Train” nella categoria miglior disco blues tradizionale, che ha alla fine visto prevalere i Rolling Stones (e scusate se è poco…), ha sancito indiscutibilmente il loro valore. Registrato dal vivo in uno studio milanese questo lavoro è un omaggio al duo Sonny Terry & Brownie McGhee, storica coppia di bluesmen veri mostri sacri del country blues a cui Davis e Poggi hanno voluto rendere omaggio .

Primo e unico bluesman italiano nominato ai Grammy Awards, Fabrizio Poggi racconta in una recente intervista: “io il mio Grammy personale l’ho vinto il giorno che ho cominciato a suonare con Guy Davis un persona splendida e generosa, autentica leggenda del blues dal talento smisurato che mi ha voluto al suo fianco e che non finirò mai di ringraziare. Che ci crediate o no io ho gioito quando al Madison Square Garden hanno annunciato la vittoria dei Rolling Stones. E’ come se avesse vinto mio padre. E mi sarebbe sembrato innaturale e irrispettoso vincere a loro discapito quello che poi alla fine per loro è stato un Grammy alla carriera”

 

Fabrizio Poggi, cantante, armonicista e scrittore, premio Oscar Hohner Harmonicas, vincitore del JIMI Award nel 2016 (gli Oscar della prestigiosa rivista Blues411) con il CD “Texas Blus Voice” come miglior album internazionale, è il bluesman italiano più conosciuto negli States.

Ben ventidue album incisi, di cui molti registrati negli Stati Uniti, ha suonato con grandi artisti del blues, del rock e della canzone d’autore tra cui i Blind Boys of Alabama, Charlie Musselwhite, Ronnie Earl, John Hammond, Sonny Landreth, Ruthie Foster, Guy Davis, Eric Bibb, Otis Taylor, Mike Zito, Bob Margolin, Flaco Jiménez, The Original Blues Brothers Band, e tanti altri…  

Con il CD “Juba Dance”, inciso sempre con Guy Davis nel 2013, è stato per ben otto settimane al PRIMO posto della classifica dei dischi blues più trasmessi dalle radio americane.
Poche parole servono per descrivere Guy Davis, famoso in tutto il mondo per essere non solo un grande chitarrista, banjoista, armonicista e cantante, ma anche un attore di talento. Un talento nato in ambito familiare visto che è il figlio di Ruby Dee e Ossie Davis, celebri attori, registi e attivisti per i diritti civili degli afroamericani. Da loro ha ereditato la passione per le storie, che racconta attraverso la sua musica e che si snodano tra le paludi infestate da insetti giganti tra Mississippi e Louisiana, di gente di campagna che lavora sodo, storie a volte durissime che parlano di ragazzi impiccati, di Ku Klux Klan e di gente che deve ballare per salvarsi la vita al crocicchio, al cross road. Influenzato da artisti come Blind Willie McTell e Big Bill Broonzy, Lightnin ‘Hopkins e Babatunde Olatunji, ma soprattutto dal leggendario Sonny Terry, Guy Davis ha trascorso la sua vita musicale portando il suo messaggio di blues in tutto il mondo, dall’Equatore al Circolo Polare Artico, guadagnandosi il titolo di “An Ambassador of the Blues“.

08/07/2018, 21:30
Scanno Cavallari di Porto Levante, Porto Viro €9 compreso traghetto
Guy_Fabrizio1

Location

Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo

Partner

Media partner

Main sponsor

Festval Partner